settembre 07 2017
corsa-running

TENDINOPATIA ACHILLEA: I NOSTRI SUGGERIMENTI!

L’infiammazione del tendine d’Achille è una condizione comune e generalmente riguarda coloro che praticano sport che richiedono la corsa. Può essere dovuta a precedenti traumi che hanno interessato le ginocchia, la caviglia o il piede, ma generalmente non è legata ad un trauma specifico, bensì deriva da ripetuti stress a carico del tendine. Il problema si presenta spesso quando spingiamo il nostro corpo a fare troppo e troppo in fretta: aumentando l’intensità dell’attività fisica repentinamente, iniziando l’attività con polpacci freddi o contratti o utilizzando calzature non adatte, ma può derivare anche dallo sfregamento con speroni ossei nella zona dove il tendine d’Achille ha inserzione sul calcagno.

 

Tendinopatia_Achillea

Capita spesso che i sintomi della tendinite non vengano riconosciuti in tempo o che vengano trascurati quando ancora lievi e ciò potrebbe comportare un peggioramento della propria condizione. I sintomi più comuni sono: arrossamento, dolore, sensazione di rigidità ed inspessimento del tendine d’Achille; dolore al mattino e nelle 24-48 ore successive l’attività fisica; sintomi che aumentano progressivamente durante l’arco della giornata con dolore irradiato al polpaccio e alla pianta del piede.

Al presentarsi di questi sintomi il nostro consiglio è sempre quello di rivolgersi immediatamente al personale esperto e seguire un trattamento terapeutico evitando la tecnica dell’”aspetta e guarda” rischiando di peggiorare la situazione.

 

strapping-and-taping1

 

In linea generale è consigliabile ridurre l’attività che ha provocato il dolore, verificare che le calzature siano adeguate, utilizzare localmente ghiaccio e fare attenzione a non eccedere con l’uso di farmaci antinfiammatori e/o antidolorifici. Dopodiché rivolgiti ad un fisioterapista il quale discuterà assieme a te i sintomi, esaminerà la tua condizione fisica e ti consiglierà un trattamento terapeutico personalizzato per ridurre l’infiammazione, controllare il dolore e recuperare un corretto gesto atletico al più presto. Saprà darti consigli per evitare che problemi simili si ripresentino in futuro e monitorerà assieme a te i miglioramenti.

Ricorda, la costanza è l’esercizio principale per migliorare la tua condizione e riprendere uno stile di vita sano in tutta sicurezza. Ci vorrà molta pazienza, rimettersi in gioco potrebbe richiedere tra i 3 e i 12 mesi in base alla gravità dei sintomi e all’aderenza al programma. Ricorda, anticipare i tempi di recupero o incrementare il carico di lavoro troppo velocemente possono provocare una ricaduta.

 

 

Il nostro Centro Perphorma mette a tua disposizione un team di esperti fisioterapisti specializzati che sapranno indicarti il giusto trattamento e costruire assieme a te un percorso equilibrato e sicuro per raggiungere tutti i tuoi obiettivi.