novembre 23 2017

INTEGRARE INDUSTRIA 4.0 E FORMAZIONE ATTRAVERSO UN PROFICUO CONNUBIO SCUOLA-LAVORO.

Nel quadro di una sempre più stretta e fruttuosa collaborazione scuola-impresa, PORZIO, realtà udinese con quasi novant’anni di esperienza nel settore dei prodotti e dei servizi per la salute e il benessere, ha scelto di condividere con lo IALFVG di Pordenone e Udine un programma volto a sostenere e alimentare un percorso formativo, in cui didattica e lavoro confluiscono in un progetto che offre ai giovani l’opportunità di integrare la didattica con l’esperienza sul campo.

Valorizzando l’innovazione intesa come capacità di anticipare e promuovere il cambiamento, e in un’ottica di sviluppo virtuoso del tessuto imprenditoriale e sociale della regione, a ottobre di quest’anno Porzio ha assunto il diciassettenne Nicola C., maturando del corso di studi in “artigianato digitale-makers” del citato IALFVG, istituto scolastico che ha attivato questo corso triennale per gli studenti in uscita dalla terza media. Gli allievi come Nicola apprendono la progettazione e modellazione sia in 2D sia in 3D con relativa creazione di prototipi con tecniche additive (stampanti 3D) e sottrattive (taglio laser e cnc), oltre alla realizzazione e programmazione di schede elettroniche e sviluppo di Firmware. I ragazzi durante il percorso di studio vengono ospitati in aziende del territorio per degli stage curriculari utili a intrecciare il mondo del lavoro con la scuola. Esperienze stage che ormai da diversi anni danno la possibilità a molti studenti IALFVG di essere assorbiti alla fine degli studi dalle aziende che li hanno ospitati. Proprio in questa cornice Nicola ha la possibilità di continuare il percorso di studi la mattina e nel pomeriggio iniziare la sua prima esperienza lavorativa.

Risultati immagini per ial pordenone artigianato digitale

 

 

 

 

 

 

 

 

La collaborazione tra PORZIO e lo IALFVG gli consentirà di conoscere le dinamiche aziendali e di interagire fin da subito con esse, maturando competenze finalizzate allo sviluppo di progetti di innovazione nell’industria 4.0 che vengono sviluppati all’interno del PorzioLAB, dove opera l’Ingegnere meccanico biomedico Marco Avaro che è a capo della R&S e dei progetti di innovazione aziendali.

Questa simbiosi di attività e competenze consente a Porzio di rappresentare oggi una delle punte di diamante in quanto azienda attiva nell’ideazione, nella progettazione, nella prototipazione e nella realizzazione di prodotti e accessori mediante stampa 3D.

Lo sviluppo di competenze attraverso la pratica è fondamentale per la formazione dei professionisti di domani, ai quali è data in questo modo l’opportunità di operare con tecnologie all’avanguardia e in continua evoluzione, quali la stampa 3D, la prototipizzazione e la robotica.